Eretto nel XVII sec. per conto di Massimiliano Monaldi di Spello e venduto ai primi dei secolo successivo ai marchesi Barnabò, è oggi di proprietà comunale.
Il palazzo Barnabò è a pianta quadrata con una stretta corte, su cui si affacciano due ordini di archi, fatti in laterizi. E' certo che il palazzo fosse collegato con quello vicino in modo da formare un unico complesso.