Ludovico Jacobilli (Roma, 13 giugno 1598 – Foligno, 13 marzo 1664) è stato un presbitero e storico italiano.

Studia prima a Foligno, poi al Collegio Romano dei Gesuiti a Roma e si laurea infine in diritto civile e canonico all'Università di Perugia. Successivamente si trasferisce a Foligno e nel 1622 diventa sacerdote. Nel 1652 si reca a Nocera Umbra per la visita pastorale di quella diocesi, ordinata dal vescovo Mario Montani Cobellucci.

Appassionato di cultura, viaggia molto, visita biblioteche, acquista libri per la sua biblioteca privata e raccoglie una gran mole di informazioni; tra le sue opere ricordiamo: Vite de' Santi e Beati di Foligno, i tre tomi delle Vite de' Santi e Beati dell'Umbria, il Discorso della città di Foligno, Di Nocera e sua diocesi... discorso historico e Bibliotheca Umbriae.

È del 1654 l'Inventario dei libri di me Ludovico Jacobilli, da cui risultano 7.560 opere e manoscritti. Nel 1662 una donazione di Ludovico Jacobilli al seminario vescovile della propria biblioteca privata permette la costituzione della Biblioteca Jacobilli, sita in Foligno e tuttora esistente; la biblioteca contiene 60.000 volumi, 6.870 opuscoli, 85 incunaboli, 1.500 cinquecentine, 1.500 seicentine, molti periodici e 563 manoscritti.