Compendio della Storia di Fuligno ad uso delle scuole elementari 1858-59 di Giuseppe Bragazzi

Informazioni su questo libro
Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca e pubblicato in fotocopia da Google. Foligno ACT pubblica il testo, estratto dalle fotocopie e formattato con carattere attuale, a testimonianza della grande storia della città.

Al Lettore
E' una verità di fatto ormai generalmente riconosciuta che l'amore del paese nativo, il quale era un di la gloria e la delizia del cittadino, rimatisi a' nostri tempi illanguidito e presso che spento in quelle Nazioni che più si danno il vanto di civilizzate.

Sia che le politiche vicende, rompendo la continuità delle secolari famiglie, abbiano attenuata l'importanza del patrio suolo, con avere o assottigliate o disfatte in gran parte le antiche istituzioni siasi portato quà il diminuimento, colà il disseccamento alle fonti del patrio affetto; sia che all' amore della Città venga surrogato altro amore più largo e talora cosmopolitico, di modo che per la grande latitudine sua ne vengan meno i sensi nella intensità siffattamente da divenir quasi orpello; sia per altre ragioni ancora, che difficil cosa sarebbe tutte vedere e tutte enumerare; certo si è che delle cause moltiplici che han dato origine al fatto da noi notato, fra le possenti ed efficaci debbesi porre lo ignorarsi quasi nel'universale i pregi che adornano il luogo ove si ebbe la culla.

Avvegnachè gli uomini siano da natura cosi formati che non sogliano aver dilezione a cosa che non conoscono, mentre poi all'obbietto che lor s'offra alla vista fornito di bellezza e valore, non possono punto negare affezione. Lo che volgendo nell'animo, ebbi a credere, essere di molto, opportuno al ridestamento della fiamma del patrio amore, il raccoglitve in sommi capi quanto di buono e meritevole di elogio ci presentano patrii annali, e questo con brevi lezioni insegnare ai fanciulli, onde fin da' teneri anni imbevute le menti de' sensi di stima per gl'illustri maggiori, sbucciasse per tempo ne' loro petti quel fiore di virtù che è la gratitudine, e questa ai beneficii resi dai Padri alle generazioni future e de' quali sentiamo ancora in gran parte i salutari effetti; e fatti poi adulti si accendessero pure di generosa emulazione, e sapessero e volessero far valere la Patria e colle memorie del passato e colle loro virtuose azioni. 

Questo pensiere adunque che dimora da più anni nell' animo mio, e che parendomi vero e giusto ha richiamato spesso tutta la forza dell' attenzione, ha ingenerato in me il desiderio di vedere da qualcuno de' nostri valenti concittadini compilato e pubblicato per uso della gioventù studiosa un compendio della Storia Folignate. Né ho mancato di spronare all' opera taluno, che, secondo io stimava, avrebbe all'uopo assai bene riuscito.

segue con tasto avanti